All’attenzione del Dott. Fabio Ruggeri, GruppoTim
E p.c. all’attenzione Assessore Stefano Ciuoffo, Regione Toscana

Oggetto: Disservizi telefonici e di connettività in Lunigiana (MS)

Il territorio Lunigianese nel 2021 ha ancora troppe zone “mute”, con frequenti guasti nella rete telefonica fissa e una limitata copertura, in alcune parti del tutto assente, della rete telefonica mobile.

In particolare, elenchiamo una serie di disservizi che, in modo capillare, negli ultimi mesi hanno coinvolto la Lunigiana, in un momento pandemico in cui la connettività telefonica risulta essere un servizio indispensabile per poter resistere al distanziamento fisico, sia in termini economici che di pubblica sicurezza, sia per le imprese che le famiglie, soprattutto in luoghi come questo, ad alta densità di popolazione anziana, per la quale il servizio telefonico è un vero e proprio “salvavita”.

Si tratta di un quadro sinottico di massima, a cui hanno contribuito i dati raccolti attraverso l’indagine “social” svolta dall’Associazione Operatori Turistici della Lunigiana (OTL) nel mese di gennaio 2021, supportata dalla condivisione da parte delle Amministrazioni locali agli operatori turistici della Lunigiana, che ha così coinvolto una ottantina di strutture ricettive (un campione abbastanza significativo a livello geografico, vedere allegato). L’indagine suddetta è stata inoltre integrata con informazioni e documentazione fotografica reperite sul gruppo Facebook “Disservizi Tim in Lunigiana” che raccoglie dal 5 gennaio 2020, su iniziativa di un gruppo spontaneo di utenti del territorio e con il supporto di AECI “Associazione Consumatori Aulla”, una serie di segnalazioni di cittadini lunigianesi, abitanti in frazioni isolate da mesi, sia per danni a rete fissa che mobile. Si segnalano anche due petizioni on line sulla piattaforma change.org (create rispettivamente dai cittadini Marco Ciri e Ivo Capodieci) con raccolta di firme per richiesta di urgenti interventi in Lunigiana a garanzia di una copertura di rete telefonica e Internet che consenta un servizio costante e un diritto digitale per la cittadinanza.

Per ciò che concerne la telefonia fissa, è praticamente segnalato ovunque, al di fuori dei principali centri urbani capoluoghi di comune, un disservizio diffuso che sta creando enormi problemi di carattere di sicurezza pubblica oltre che economica. Tale problematica verosimilmente è legata a un’infrastruttura di rete obsoleta e non rinnovata nel corso degli anni, all’assenza di manutenzione e di applicazione di tecnologie di nuova generazione alle cabine telefoniche e alla rete di trasporto. L’implementazione di una infrastruttura di rete in fibra ottica, d’altra parte, procede a rilento e a macchia di leopardo, fermo restando che la parte di infrastruttura finale in rame risulta comunque obsoleta e non mantenuta. Per quanto riguarda la telefonia mobile, pur nella consapevolezza che il mercato sia caratterizzato da una pluralità di operatori telefonici, si ritiene necessario sviluppare un forte investimento che vada a coprire l’intero territorio, eliminando definitivamente le cosiddette zone bianche (a fallimento di mercato) e mute, e che sia aggiornato per consentire almeno la copertura Internet 4G su tutto il territorio, incluso quello periferico e montano.

Gradiremmo conoscere nel dettaglio il piano di investimenti che Tim intende riservare (anche in sinergia con altri operatori e le Istituzioni) a questo territorio per superare il “Digital divide” nelle prossime annualità, con la messa in luce dei tempi previsti di realizzazione delle azioni necessarie a coprire le aree “mute” della Lunigiana e la garanza di un servizio di connettività telefonica fissa, mobile e dati di livello qualitativo all’avanguardia per le esigenze contemporanee.

E’ possibile scaricare report con il quadro di sintesi relativo ai principali disservizi telefonici in Lunigiana che sono stati individuati nelle modalità sopra esposte.

Cia Massa Carrara – Il Vicepresidente Luca Maria Simoncini
CNA di Massa Carrara – Il Presidente Paolo Bedini
Coldiretti Massa Carrara – La Presidente Ferrari Francesca
Confartigianato Massa Carrara – Il Presidente Sergio Chericoni
Confcommercio Massa Carrara – Il Presidente Territoriale Giorgio Caponi
Confcooperative Toscana Nord – Il VicePresidente Umberto Giorgi
Confesercenti Toscana Nord – Il Presidente Alessio Lucarotti
Confindustria Livorno Massa Carrara – Il Presidente di Delegazione Matteo Venturi
Legambiente Toscana – Presidente Fausto Ferruzza
Associazione Operatori Turistici Lunigiana – La Presidente Giovanna Zurlo
Volontari Lunigianesi – Franco Gervasi

Scarica il report